Forever Young

Forever Young

29 Aprile 2014

CSC Nardini, Bassano del Grappa

Forever Young. Esito aperto al pubblico

direzione artistica Alessandro Sciarroni; training e consulenza drammaturgica Chiara Bersani e Marco Ramponi; costumi Alessia Morra; luci Cosimo Rampini

di Anna Trevisan

Nasce da un laboratorio questa prova gentile. Quattordici attori non professionisti (magari gli attori di professione avessero tutti la stessa qualità di presenza scenica!) entrano in scena uno alla volta, e si vanno a sedere in semicerchio su delle sedie.

Ognuno entra alla propria maniera, con la propria camminata, il proprio sorriso, il proprio tempo nel silenzio abitato dalle loro presenze colorate, buffe, tristi e allegre allo stesso tempo. Un po’ clown e un po’ Charlot . Sfoggiano calzini a righe, scarpe colorate, abitini con gonne godè e frac con papillon.

Concentrati in modo quasi assoluto e per questo sublime su ogni movimento da compiere e in atto. Innamorati di ogni attimo e spaventati da ogni gesto, trasformano una prova di fine laboratorio in un piccolo grande evento.

Il segno poetico e il disegno sono quelli degli artisti Alessandro Sciarroni, Chiara Bersani e Matteo Ramponi ma l’intensità è tutta degli interpreti, che regalano momenti di rara emozione formale alla performance, convincendo il pubblico ad abbandonare rigidità e stupore iniziali in favore di una distesa meraviglia.

Con un pulsante respiro all’unisono, si evoca un’unica, viva e reale creatura, costruita di fiato e di diaframma. Inspira ed espira ossigeno a ritmo, diretta da un direttore d’orchestra immaginifico. Emette fischi e sfiati degni di maestosi cetacei e balene estinte.

Poi si impenna, si scopre in piedi, e bussa con le piante dei piedi ed i talloni sulla schiena della Terra. Salta e si sparpaglia puntinando il palco di controtempi e batter di mani folk. Un tuono cadenzato si solleva  dal pavimento ctonio, con sempre più fragore, quasi a voler far scoppiare di pioggia un cielo chiuso, pizzicato dal rumore di un esercito colorato di piedi che continuano a cadere sul pavimento, a rimbombare, e producono suoni pesanti, possenti, sinceri.

Dall’acqua, alle zolle della terra ai tuoni celesti, in questa cosmo-genesi per nulla “brut”,  il silenzio iniziale si sviluppa in musica. Quello che accade è una galassia lattea e vorticosa di corpi che corrono a spirale intorno ad un centro che non c’è. L’Universo intero è chiamato a raduno, con cellule e gameti e mitocondri che si appaiano, si dividono, si moltiplicano e si disperdono. Incredibile capacità visionaria di suscitare mondi, quella di Sciarroni, Chiara Bersani, Matteo Ramponi. E degli attori. Professionisti.

http://www.operaestate.it/evento/forever-young/

http://www.alessandrosciarroni.it/

http://www.corteospitale.org/

Forever Young

Contrassegnato da tag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: