Biennale Cinema 2018 | La Mostra vista dal Mostro: Billy Wilder, Don Siegel, Gonzalo Tobal

some-like-it-hotMartedì 4 settembre, Lido di Venezia | Prima parte della giornata di puro piacere cinefilo, qualche brevissima nota perché la perfezione non si commenta. Vedere restaurato A qualcuno piace caldo di Billy Wilder è gioia, divertimento, godimento. Il più bel film alla Mostra, come ho sentito dire ad un importante critico. Nient’altro da aggiungere.

Killers | Poi Killers di Don Siegel del 1964, altro gangster movie che traduce fedelmente in immagini l’estetica asciutta e disperata di Dashiell Hammett, autore che ispirò anche Kurosawa (Yojimbo) e Leone (Per un pugno di dollari). Fra gli interpreti Ronald Reagan, ultima apparizione sullo schermo prima di darsi alla politica, e John Cassavetes, prima di darsi alla regia. Perfetto il film, dove la motivazione del danaro, per uno dei due assassini, passa in secondo piano rispetto alla volontà di sapere perché la vittima designata si è lasciata uccidere senza tentare la fuga. Perfetto il restauro. Senza quest’opera mai Tarantino avrebbe girato Le iene.

Acusada | Infine, Acusada, pellicola argentina in concorso, di Gonzalo Tabal. Ricalca la vicenda dell’omicidio di Meredith Kercher a Perugia, ma il tema non è il whodunit. È piuttosto lo studio freddamente analitico dello scontro fra senso e regole della famiglia dell’imputata e senso e regole dell’ordine giudiziario. Ed è la dimostrazione di come la menzogna, come la violenza, sia mimetica ed epidemica. Una bugia su un dettaglio si estende all’insieme delle narrazioni contrapposte, tutti devono mentire, chi accusa e chi si difende. Insomma una tematica degna di un episodio di Law and Order, ma condotta con buon taglio cinematografico. Alla fine compare un puma, un segno della creaturalità e della libertà opposte all’ordine della civiltà, che mi ha fatto pensare al falco che chiude I Tenenbaum di Wes Anderson.

S.M.

ACUSADA
Regia: Gonzalo Tobal
Produzione: Rei Cine (Benjamin Domenech, Matías Roveda, Santiago Gallelli), K S (Hugo Sigman, Matías Mosteirin, Leticia Cristi), Telefe (Axel Kuschevatzky), Piano (Julio Chavezmontes)
Durata: 108’
Lingua: spagnolo
Paesi: Argentina, Messico
Interpreti: Leonardo Sbaraglia, Lali Espósito, Inés Estevez, Daniel Fanego, Gerardo Romano, Gael García Bernal
Sceneggiatura: Gonzalo Tobal, Ulises Porra Guardiola
Fotografia: Fernando Lockett
Montaggio: Alejandro Carrillo Penovi
Scenografia: Sebastián Orgambide
Costumi: Laura Donari
Musica: Rogelio Sosa
Suono: Guido Berenblum
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: