Biennale Cinema 2019 | “The perfect candidate”

Il film saudita The perfect candidate conferma il teorema del Mostro che recita: “La cinematografia interessante si produce a est di Istanbul”. Film scarni, essenziali, quindi ricchi di stile, in grado di restituire la vita profonda di popoli giunti da poco nel vortice della modernità, nella vita accelerata in grado di donare estasi, orrore e consapevolezza. La regista (una donna!) narra cosa significa per una giovane saudita essere un medico, da poco guidare un’automobile ed entrare in politica in un paese dove vige radicata nelle norme e nelle menti la purdah, la separazione dei sessi fin nello sguardo. E svolge la sua narrazione con un tocco alla Jane Austen delicato ed acuto, spregiudicato e comprensivo delle limitazioni della libertà vigenti in una società retta sulla religione.

Il Mostro Marino alias S.M.

Biennale Cinema 2019, Venezia 76 Concorso
The Perfect Candidate
Regia: Haifaa Al Mansour
Produzione: Razor Film Produktion (Gerhard Meixner, Roman Paul), Haifaa Al Mansour’s Establishment for Audiovisual Media (Haifaa Al Mansour)
Durata: 101’
Lingua: arabo
Paesi: Arabia Saudita, Germania 
Interpreti: Mila Alzahrani, Dhay, Nourah Al Awad, Khalid Abdulrhim
Sceneggiatura: Haifaa Al Mansour, Brad Niemann
Fotografia: Patrick Orth
Montaggio: Andreas Wodraschke
Scenografia: Olivier Meidinger
Costumi: Heike Fademrecht
Musica: Volker Bertelmann
Suono: Uve Haußig

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: